0
dss 0
0 0,00€
Il carrello è vuoto!

Farmaci da banco ed infarto: se usati male aumenta il rischio.

pillolle
 
Da sempre l' obiettivo dei nostri post è di condividere informazioni e studi che possano essere di aiuto per vivere in salute, con questo obiettivo e non per generare allarmismo condividiamo questo studio pubblicato poco tempo fa.
Il professor Gunnar Gislason dell'Università di Copenaghen ha studiato 29000 pazienti che hanno avuto un arresto cardiaco in Danimarca tra il 2001 ed il 2010. 
 
Di questi, 3 376 erano stati trattati con un antinfiammatorio non steroideo (FANS) durante i 30 giorni precedenti l'infarto.
  • Ibuprofene e diclofenac sono risultati i FANS usati più di frequente, rappresentando rispettivamente il 51% e il 22% del totale dei Fans usati.
  • L'uso di un fans qualsiasi è risultato legato a un aumento medio di rischio di arresto cardiaco del 31%.
Non sono state trovate invece correlazioni con l' impiego di Naproxene, celecoxib e rofecoxib ed un maggior rischio di arresto cardiaco.
 
Le motivazioni di incremento di rischio sono:
  • l'influenza sull'aggregazione piastrinica e quindi la formazione di trombi.
  • l'irrigidimento delle arterie, rallentando la circolazione ed innalzando la pressione.
L'utilizzo dei farmaci antinfiammatori non steroidei (fans) disponibili senza obbligo di ricetta ha secondo il relatore aumentato il rischio nei pazienti generando erroneamente la convinzione che non facciano danni e si possano usare a lungo e con alti dosaggi.
 
 
Il consiglio pratico del professor Gislason che emerge da questa ricerca è di "non superare i 1200 grammi al giorno di ibuprofene per ridurre il rischio".
Ovviamente per l'utilizzo di queste molecole sia che abbiano necessità di ricetta medica o che siano di libero acquisto va valutato bene il rischio sia a livello gastrico che circolatorio e soprattutto tenuto a mente che se una fa bene non è detto che alzando il dosaggio si velocizzi la guarigione.
E che se vi chiediamo la ricetta lo facciamo a tutela vostra e non per essere fiscali...
 

Ci sono 0 commenti relativi al post "Farmaci da banco ed infarto: se usati male aumenta il rischio."
Rispondi
La tua email non verrà resa pubblica
Invia Commento
Farmacia Serra Genova © 2017 p. iva: 03560480109