0
dss 0
0 0,00€
Il carrello è vuoto!

Cosa fare a Genova Sabato 25 e Domenica 26 Gennaio.

01-24

Museo d'Arte Orientale Edoardo Chiossone 25.01.2020 16:30

TINY JAPAN VIBES rassegna a cura di Duplex Ride - Dreaming with Murakami

INY JAPAN VIBES rassegna a cura di Duplex Ride
Cinque appuntamenti (in miniatura) con cinque figure della scena artistica e visuale del Giappone,in epoca moderna e contemporanea.

Due artisti visivi, Yoshitomo Nara e Takashi Murakami, due illustratori molto popolari, Jun'ichi Nakahara editore e illustratore di riviste di moda, Kiichi.Tsutaya illustratore di album da colorare per bambinie un architetto, Junya Ishigami.
Cinque figure diverse tra loro accomunate dalla capacità di sintesi di elementi orientali e occidentali, rielaborati con un indirizzo alla modernità partendo dalla tradizione giapponese.
Un percorso in miniatura che propone una serie di suggestioni legate alle loro opere, nella maniera consueta a Dollworld.
Una serie di piccoli ambienti arredati dal vivo, piccole cose collocate dentro e fuori dal Museo Chiossone, nel parco di Villetta di Negro, per ricordare lo stretto legame con la natura e lo scorrere delle stagioni che si ritrova sovente nella produzione artistica del Sol Levante.

Ogni evento è composto da una performance Dollworld e dall’esibizione di un solista o di un gruppo di musica elettronica proposto da Duplex Ride.

> 25 gennaio 2020 – Dreaming with T.Murakami
    perform. di Dollworld su Takashi Murakami con Aspera

Dreaming with Murakami  è il secondo appuntamento della rassegna, ispirato all'arte di Takashi Murakami,  considerato, insieme a Yayoi Kusama, l’artista più noto al mondo della attuale scena artistica giapponese.
Takashi Murakami è stato definito l’Andy Warhol di Oriente per la sua arte che si vale di elementi comuni e che accosta opere monumentali a gadget e souvenir.Inoltre ha costituito Kaikai Kiki, una sigla che riunisce talenti di varia estrazione, con l’intento di sostenerli e valorizzarli.

Attentissimo a tutti i fenomeni, si è cimentato in collaborazioni nei campi più diversi, nella moda con Issey Miyake e Marc Jacobs, nel design e nella musica con Virgil Abloh e con il rapper Kanye West.

E’ in questo eccezionale eclettismo d’autore che si misura la sua opera, nell’ambito della controversa questione dei rapporti e delle reciproche influenze tra Giappone e mondo occidentale.  
Unisce il gusto per il kawaii, portato alle conseguenze estreme, a un senso della tradizione, da cui deriva come studi, ai temi del religioso e del tragico, elemento sempre presente nell’immaginario   giapponese, sublimato nel disastro della bomba atomica e più di recente da quelli di Kobe e di Fukushima.
Insieme a Dollworld, incontreremo, in miniatura, alcune delle sue infinite suggestioni.

Aspera Project

Il progetto Aspera, da un'idea di Stefano Roffo (tromba e basi elettroniche), ha negli anni visto la collaborazione di diversi musicisti, accomunati dal desiderio di sperimentazione con strumenti reali e digitali.

Maurizio Mongiovì: Piano/electronics
oltre alla collaborazione con Aspera e ai progetti solisti Acque Madri e Sculture Effimere, ha all'attivo le suite poetico-elettroniche "La solitudine della Terra" e "La Gola del Naufrago"  in duo con Edoardo Laudisi (Einschlag!) ed è membro di Team Hydra.

Dollworld (Angela Mambelli)
Con  la sigla Dollworld Angela Mambelli persegue dal 1995 un progetto di installazioni a tema per comporre un racconto attraverso gli oggetti.
Questi “miniambienti”, esposti in mostre a tema o allestiti in tempo reale, diventano parte integrante di performance e video realizzati  con il gruppo Fludd, attivo nell’ambito di arti visive e ricerca musicale.
In scena le ministanze, arredate sotto l’occhio di una microcamera, generano, grazie alla proiezione su monitor e grandi schermi, un effetto straniante sul rapporto dimensionale tra uomo e oggetto.
Dollworld offre così al visitatore le stanze di uomini e donne (scrupolosamente assenti) che ascoltano musica, si truccano, litigano e si amano.
Così, in una macchia di luce calda sull’azzurro-nero del palco, mentre una donna sistema una piccola sedia tra mura di cartone, nel video, scena dentro scena, due enormi mani calano lo stesso oggetto in una stanza, che potrebbe essere la nostra.

Info: 010 542285, museochiossone@comune.genova.it

Duplex Ride:
mail: dplxride@gmail.com
sito: http://duplexridegenova.wordpress.com
news: www.facebook.com/Duplexride
video live: www.youtube.com/DuplexRide

Magazzini del Cotone Dal 25.01.2020 al 02.02.2020 

Antiqua trentesima edizione

Un tuffo nell’arte capace di destare il desiderio profondo di conoscere l’origine della bellezza e di accendere il desiderio di circondarsene. E’ questa l’essenza della 30^ edizione di Antiqua, Mostra mercato di arte antica in programma ai Magazzini del Cotone del Porto Antico di Genova da sabato 25 gennaio a domenica 2 febbraio.
 ospitare la presentazione del programma e dei contenuti della manifestazione.  Quaranta tra i migliori antiquari italiani, danno vita a una preziosa galleria di arredi di alta epoca, sculture, tappeti, dipinti a partire dal Cinquecento fino al Novecento, argenti e gioielli, sculture in marmo e lignee, ceramiche e vetri artistici, gioielli dell’ebanisteria, oggetti di arte orientale e art déco.
Per gli appassionati di pittura Antiqua si rivela una straordinaria quadreria che mette in primo piano gli autori liguri - da Lazzaro Tavarone, Alessandro e Filippo Magnasco, Gioacchino Assereto e Giovanni Battista Carlone a Domenico Piola, Alfredo Luxoro, Antonio Discovolo, Oscar Saccorotti, Rubaldo Merello, Eugenio Olivari, Giovanni Governato, Giuseppe Sacheri, Enrico “Chin” Castello e Benedetto Musso - bei nomi dell’Accademia di Brera come Paolo Borsa e Alessandro Barbieri, e poi ancora Pier Francesco Garola, Mario Nuzzi, Bernardo Canal, Carlo Portelli, Romolo Pergola, l’olandese Abraham Van Beijeren e il francese Henry Michel Levy.
Antiqua è da sempre anche un’occasione di valorizzazione del patrimonio culturale della città e, dopo l’esordio del 2019, rafforza quest’anno la sinergia con il Teatro Carlo Felice, con iniziative a tutto tondo tra cultura e musica e attività promozionali. “Il Teatro viaggia nel tempo - secondo atto” ripercorre, attraverso una selezione di materiali d’archivio editoriali e musicali, la storia del Teatro Carlo Felice, insieme a strumenti musicali veri o frutto dei laboratori didattici organizzati dalla Fondazione con istituti scolastici liguri. 
 
Orari di apertura e biglietti
Antiqua è aperta tutti i giorni da sabato 25 gennaio a domenica 2 febbraio, da lunedì a venerdì dalle 14 alle 20, nel fine settimana dalle 10 alle 20. Il biglietto d’ingresso costa 12 Euro, 8 Euro il ridotto.
Possono usufruire del biglietto ridotto, tra gli altri, i soci del Touring Club Italiano, i clienti di Feltrinelli titolari di Cartapiù e Multipiù e gli abbonati a “Vivere la casa in campagna”. 
Info e anteprime sui pezzi in esposizione anche su   Fb e Instagram.
Info per date e orari del Teatro Carlo Felice sull'omonimo sito.

Museo Diocesano Dal 07.12.2019 15:00 al 27.01.2020 15:00

Silhouettes di Natale

Fino a Domenica resterà esposto il prezioso Presepe in sagome ritagliate e dipinte di epoca settecentesca: allestito per il secondo anno negli spazi del Museo Diocesano, sarà inserito in dialogo con le opere d’arte che già vi si trovano in un percorso  di grande suggestione. 
La tradizione dei Presepi a sagome dipinte prese avvio in Europa nel XVIII secolo, con particolare diffusione in ambito bavarese e tirolese. Si trattava di presepi destinati alla devozione popolare e utilizzati per costruire delle vere e proprie scenografie e teatrini: di dimensioni diverse, venivano disposti secondo una scansione prospettica in profondità, in modo da comporre una scena. Potevano quindi essere di dimensioni contenute oppure di altezza pari al metro, in particolare se destinati alla devozione pubblica all’interno delle chiese. Quello esposto al Museo, date le ridotte dimensioni, può essere ricondotto a una devozione intima e raccolta, nella sfera domestica. Non mancano altri momenti o episodi del Natale in altrettante opere del Museo, come la magnificenza dell’Adorazione dei Magi di Giovanni Battista Perolli, l’intimità della vita domestica nella “Sacra Famiglia con San Giuseppe al lavoro” di Gerard David, la tradizione della Santa Casa in cui Maria riceve l’annuncio, illustrata nella “Madonna di Loreto”, solo per citarne alcuni.
 
Ingresso speciale ridotto al Museo per la festa di Natale: € 5 a persona, gratis sotto i 12 anni.
Il Presepe sarà allestito e visitabile fino a lunedì 27 gennaio 2020.
 

Certosa - Genova Dal 24.01.2020  al 26.01.2020

Weekend in festa a Certosa

Nei giorni 24-25-26 gennaio, riprendono le attività del Progetto CertOSA Quartiere Condiviso, con tre giorni di teatro, cibo e attività per bambini aperti a tutta la cittadinanza con due repliche dello spettacolo Da madre a madre della Compagnia del SUQ, una cena conviviale a buffet, con cibi della tradizione genovese e di quella etiope eritrea.  Inoltre per i più piccoli ci sarà la possibilità di partecipare al laboratorio interculturale “CertOSA… come me”, per leggere e pitturare insieme. 

L’ingresso agli spettacoli del 24 e 25 sarà a offerta libera, con successiva cena (a pagamento) sabato 25 alle ore 20.30; domenica 26 , invece, alle ore 16  bambini e genitori potranno partecipare al laboratorio. Tutti gli appuntamenti saranno al Teatro SOC di Certosa. 
 
Venerdì 24 ore 21 e sabato 25 gennaio alle ore 19 va quindi in scena lo spettacolo Da madre a madre, un’idea di Carla Peirolero, ispirato a L’anello forte di Nuto Revelli. Scritto e interpretato da Irene Lamponi, Bintou Ouattara, Carla Peirolero e diretto dal regista Enrico Campanati, lo spettacolo ha debuttato in prima nazionale alla Chiesa di San Pietro in Banchi, durante il 21° SUQ Festival, ottenendo successo di pubblico (tre repliche sold out) e critica.
Partorito da un lavoro di scambio e scrittura tra le tre protagoniste il copione ruota attorno a un matrimonio imminente, misto. Ma è solo un pretesto. Si ride e ci si commuove in uno spettacolo che intreccia esperienze, ricordi famigliari, geografie diverse.
 
Sabato 25 alle ore 20.30,  potrete assaggiare cibi della tradizione genovese ed etiope eritrea, in compagnia degli artisti, in una cena conviviale a buffet con torte di verdure, stoccafisso, injera , zighini, alicia e sciro. 
 
Il pomeriggio di domenica 26 alle ore 16, al Teatro SOC, è dedicato a bambini e famiglie con il laboratorio di lettura e pittura condivisa CertOSA come me, ispirato al libro per l’infanzia “Come me”, curato dalla Cooperativa ASCUR.
           
Per informazioni:  tel. 329 20 54 579 certosa@suqgenova.it   www.suqgenova.it

Ci sono 0 commenti relativi al post "Cosa fare a Genova Sabato 25 e Domenica 26 Gennaio."
Rispondi
La tua email non verrà resa pubblica
Invia Commento
Farmacia Serra Genova © 2020 p. iva: 03560480109